home > rassegna stampa
registrati al sito: è gratis!
Iscriviti qui
corsi della sezione
modulistica on line
modulo per il rinnovo dei brevetti
Modalità per l'iscrizione ai corsi
bollettino postale
pre - iscrizione on line
moduli di iscrizione per tutti i corsi
documentazione necessaria
Autorizzazione minore
scheda rilevazione incidenti
iscrizione corso di nuoto
domanda per patente nautica
Modulo per la segnalazione dei salvataggi
autocertificazioni
Modulo segnalazione incidenti relativi ai subacquei
Life savers tools
utenti registrati
Patrocinio Comune di Celle Ligure
patrocinio citta di Savona
prevenire annegamento bambini
salvamento baby
attenzione
Patrocinio Provincia di Savona
storia

rassegna stampa
Articoli, tratti dai maggiori quotidiani, attinenti alla sicurezza, gestione delle spiagge, economia del turismo, protezione civile, con particolare riferitmento alla nostra realtà, locale e regionale nonchè alle situazioni riscontrabili a livello nazionale.

Savona: In mare con la Capitaneria di Savona: 3500 controlli da inizio estate

Da "IL SECOLO XIX" Del 28/8/16

Savona - Ieri il mare andava preso al mascone. Non che fosse particolarmente agitato, ma l’onda doveva essere in qualche modo accarezzata con quella parte di scafo compresa tra il traverso e la prua, per mantenere una certa stabilità. In giornate come queste avventurarsi con un piccolo natante a meno di 100 metri dalla scogliera a strapiombo di Capo Noli non è una buona idea, anche se si è mossi da una fede incrollabile. «Volevamo solo vedere la Madonnina!» si giustificano due ultrasettantenni su uno jole di poco più di tre metri, rivolgendosi al battello veloce A09 della Capitaneria di Porto di Savona che, con le sue 100 ore in mare al mese durante la stagione estiva, di imprudenze ne ha viste parecchie. Vallo a spiegare che, con quel vento, dirigersi con nonchalance verso gli scogli, con il rischio di essere risucchiati verso la roccia, non è per nulla compatibile con il concetto di “Mare Sicuro” che la Guardia Costiera si impegna da tempo a diffondere tra gli utenti del mare. Nemmeno se si è alla ricerca di statuine sacre.

Sono già 3500 i controlli portati avanti dagli uomini della capitaneria savonese questa estate nell’ambito della vasta operazione a salvaguardia di bagnanti e “lupi di mare” più o meno esperti che, con la stagione calda, invadono lo specchio blu talvolta inconsapevoli delle precauzioni da adottare per non correre rischi inutili. Più di 650 (a livello provinciale) sono invece quelli per il cosiddetto bollino blu, rilasciato a chi dimostra di essere in regola con i documenti e con le dotazioni di sicurezza. “Mare Sicuro” ha dato i suoi frutti, certo, ma basta uscire in mare in un qualunque week end estivo per incappare in comportamenti scorretti. E così c’è lo yacht di 15 metri con immancabile bionda in bikini che ha pensato bene di attraccare all’interno delle acque riservate alla balneazione (a 200 metri dalla costa), a poca distanza da un nuotatore distratto da ben altre bellezze (quelle del fondale). E pensare che in questa zona, lungo la costa di Finale Ligure, c’è quello che il comandante Vincenzo Vitale, numero uno della Guardia Costiera savonese, chiama «marciapiede virtuale sul mare», ossia una schiera di grosse boe arancioni installate con la collaborazione dei balneari per segnalare l’area riservata ai soli bagnanti.

I controlli iniziano verso le 10 del mattino. L’equipaggio esce a bordo del battello A09 ed è composto da 5 persone: 3 militari e 2 Opsa (Operatori Polivalenti Salvataggio in acqua, un “braccio” della Croce Rossa). Alla guida c’è il Secondo Capo Marco Toschi, Medaglia di Bronzo al Merito della Marina per aver salvato, nel 2008, una ragazza incastrata tra gli scogli a seguito di una mareggiata a Bergeggi. «Quando c’è bandiera rossa non bisogna fare il bagno» raccomandano qui mentre il capo servizio operativo della capitaneria, Paolo Ferrero, dirige le operazioni. D’altronde questo battello, così come i suoi omologhi, è un po’ una cattedra sul mare da dove gli addetti ai lavori insegnano agli utenti del mare a comportarsi in maniera corretta, li “interrogano” sulle precauzioni da adottare e, davanti a illeciti, sanzionano. E così la tirata d’orecchie arriva a chi nuota a più di 50 metri dalla sua barca, al gommone a meno di 100 metri dalla scogliera, al bagnante che supera la zona riservata alla balneazione. Poi ci sono anche i virtuosi, come il maestro di sci che, a 58 anni, ha deciso di prendere la patente nautica. «Ma andare per mare non è così semplice» ammette dal suo motoscafo. Chissà se avrà imparato a “schiaffeggiare” le onde senza incorrere in pericoli. «L’importante è non avere il mare in poppa, altrimenti si straorza» spiegano i “professori” in acqua, con un vocabolario tutto da spiegare.

di Federica Pelosi




Versione senza grafica
Versione PDF


«  Torna alla pagina precedente
RELATED ARTICLES

Bagnino di salvataggio: la presentazione dei corsi per la stagione 2017
Gela - Potevano morire in mare, un'intera famiglia salvata da un bagnino: per Culmone chiesta l'onorificenza al merito civile
Imperia - Anziana bagnante salvata in extremis da bagnino e 118
Marina di Grosseto - Rischiano di annegare mentre fanno il bagno: donne salvate dal bagnino dei Vigili
Salvataggio in mare a Salsello
Pesaro, due turisti in balia delle onde Il bagnino si tuffa e salva padre e figlio
AFFONDA IL GOMMONE RISCHIANO DI MORIRE CINQUE CASERTANI! SALVATI DA BAGNINI E CAPITANERIA DI PORTO
Loano, il mare a misura di disabile: quando l'accoglienza è eccellenza
Salvate tre persone dall'assistente bagnante Marco Panaccio a Torino di Sangro
Riccione, malore al bar. Bagnino lo salva col defibrillatore


  Spedisci ad un amico



Giovedì, 15 Novembre 2018
ultime notizie
aggiornamento
15 Novembre 2018

cerca nel sito
            
  

     Ricerca avanzata > 
140° Anniversario Fondazione
newsletter
e-commerce
lavoro
area sponsor

3496327 visite dal
13/10/2005
SPOT SNS
Donazioni
Copyright © SNS – Sezione di Savona e Finale L.
Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni